Grillo e i topi di Roma

“Roma sommersa da topi, spazzatura e clandestini” recita il tweet incriminato di Grillo. Poi lo cancella. Scusate per l’accostamento! La differenza con le boutade leghiste è che almeno Salvini non se le rimangia (eccetto la storia che i napoletani puzzano). La strategia comunicativa è chiara. Grillo è il megafono irriverente del movimento, che corteggia l’intolleranza dell’elettore salviniano e sposta l’asse del dibattito a destra, incassando voti che nessuno ha il coraggio di chiedere. Poi ci penseranno le facce pulite del Giano bifronte Dimaiobattista a rispostare il baricentro a sinistra e a tranquillizzare quelli che “il PD non lo voto più”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...