Scegliere

imparare-a-scegliere

Qualche tempo fa leggevo un articolo illuminante su Internazionale: “Per molte persone, oggi, è importante cercare di vivere una vita priva di rimpianti. Il concetto è sintetizzato dall’espressione in latino carpe diem […]. Carpe diem significa prendere decisioni coraggiose, per non pentirsene in seguito, mentre amor fati significa […] imparare ad accettare le scelte, più o meno coraggiose, già fatte. […]. Non si tratta più di fare scelte coraggiose “prima che sia troppo tardi”, ma di capire che è già troppo tardi, e lo è sempre stato. Questo è estremamente liberatorio. Abbiamo una sola vita. Perché sprecarla cercando di non avere rimpianti?”.  

Pubblicità

Non so chi sono la sera

the-masterpiece-or-the-mysteries-of-the-horizon-19551

Le Chef-d’Œuvre ou Les Mystères de l’horizon. 1955. René Magritte.

Non so chi sono la sera, quando chiudo la porta di casa. Rientro, il gatto mi aspetta, mi lancia qualche fusa. Lo prendo in braccio, lo bacio, mi lecca il naso. Ho fame, mi inganno aprendo il frigorifero. Mi aspetta un cavolo romano. Chiudo. Pentola, acqua, gas, fuoco, sale, fusilli, olio, salsa. Esagero con il parmigiano e la cena è già finità. Fa freddo, prendo una coperta. Quel libro l’ho iniziato da troppo tempo, mi metto nel letto e giro pagina. Sono le 3 di notte. Luce accesa. Dove sono? Bagno, pigiama. Buio. Mi lecca la fronte. Mattino. Non sono io.

Tornare

231

È stato come tornare in un luogo d’infanzia. Ritorno qui dopo un anno. Ripenso alla mia vita di ieri; quei fogli scritti quando nulla era certo. Come il gatto di Schrödinger, in un limbo esistenziale tra vita e morte finché qualcuno non apre la scatola. Oggi ho aperto la scatola e il gatto era morto. Non so cosa mi rimane di quella vita. Oggi vivo in una città lontana, l’ennesima, solo con un gatto. Un esilio autoinflitto. Cerco di contenere il tempo ma sfugge come la sabbia tra le dita, inesorabile. Forse è la vita di un altro.